venerdì 7 giugno 2013

Nuovo Google Maps


Ci siamo messi virtualmente in fila, dopo aver inviato la nostra richiesta. Volevamo assolutamente provare il nuovo Google Maps. Dopo giorni di attesa ci è stato dato il via libera per provare la nuova versione, così senza perdere nemmeno un secondo ci siamo catapultati alla scoperta di questa rivoluzionaria interfaccia.

La prima cosa che salta all'occhio è la mancanza della colonna laterale sinistra (fig. 1), a beneficio della mappa, più spaziosa, più fornita, più intelligente.
Le caselle di ricerca sono sospese sulle mappa.

1. Nuova casella di ricerca.

Il cambiamento più drastico è che tutti i risultati della ricerca sono evidenziati direttamente sulla mappa (fig. 2), a discapito della lista che l'utente era abituato a consultare. Ogni marker relativo ad un luogo o attività permette di avere molte informazioni senza allontanarsi dalla mappa. Una casella mostra informazioni standard con l'aggiunta di info relative a google places, orari di apertura foto, valutazione degli utenti, e anche l'anteprima dello street view.

2. Experience di ricerca ottimizzata

Experience ottimizzata per l'utente che inizialmente potrebbe soffrire dell'assenza della lista e deve andare cercare punto per punto quello che gli serve. Ma a tal proposito i risultati mostrati sono più intelligenti e migliorano con il numero di ricerche:

- potrete scremare i risultati in base alla vostra cerchia preferita di Google+

- un'evidenziazione gialla segnerà i punti che secondo il sistema potrebbero piacervi. In pratica il sistema impara in base al vostro utilizzo.

Fin dall'inizio ci si rende conto che effettivamente sono stati integrati alla perfezione Google Earth, Street View,indicazioni stradali e recensioni da Zagat e Google+.

Vengono, infatti, fornite opzioni relative alle indicazioni stradali, informazioni sul traffico o mezzi pubblici. In particolare, questa a mio avviso è una novità fantastica: la funzione Show traffic segna il percorso tracciato nella ricerca da un punto ad un altro con dei colori che vanno dal verde al rosso e che stanno ad indicare il livello di traffico. 
La funzione Stepbystep (fig. 3), invece, fornisce indicazioni sul percorso da intraprendere in una schermata dedicata dove viene dato il giusto spazio al testo e la mappa viene rimpicciolita, perchè in quel momento quello che è più utile all'utente sono giustappunto le indicazioni. 
Inoltre, quando si cerca un locale le strade maggiormente usate per raggiungere tale locale vengono evidenziate in bianco, mentre invece le altre diventano grigie e perdono di importanza.


3. Funzione StepbyStep


Parlando di mappe dobbiamo sottolineare che sono state implementate mappe vettoriali, che garantiscono maggiore qualità e tempi di caricamento più rapidi. 
Per gli amanti di Google Earth ci sono buone notizie, passando alla modalità satellite si ottiene la solita visualizzazione da satellite con, in più, la possibilità di vedere le immagini in 3D (fig. 4) degli edifici delle città (disponibile solo per alcune città); diminuendo lo zoom si può arrivare a vedere la Terra così come è vista dallo spazio. Da sottolineare le funzioni tilt the view che permette di cambiare prospettiva di visualizzazione e rotate the view che permette di cambiare l'angolo della visualizzazione.

4. Vista del Colosseo con funzione "Earth"

Molti si sono lamentati per la difficoltà nel caricare i contenuti più pesanti. Per ora noi non abbiamo sperimentato questo tipo di problema.
Scriveteci le vostre impressioni, aspettative, punti di vista, dubbi e quanto altro. Diteci la vostra, questo nuovo Google Maps vi piace? A noi di WeBox Studio decisamente si!
Infine, non ci resta che indicarvi il link dove potrete inviare la vostra richiesta di accesso alla beta version.
Enjoy it!!

Nessun commento :

Posta un commento